Rango

rango-cartoni-animati

 

Rango, un camaleonte domestico, è in un’auto nel suo terrario con l’amico Mister Beekles (un pesce di plastica a carica meccanica), la palma Victor, una bambola e un insetto morto, che precipitano insieme a lui e a tutta la sua casa per strada, nel Deserto del Mojave. Sotto il sole cocente incontra il saggio armadillo Carcassa che lo indirizza verso la cittadina di Polvere. Dopo un’intera giornata a camminare, Rango incontra un rospo che lo avverte della presenza di un falco, sopra le loro teste. I due cercano di fuggire, ma il rospo viene catturato e mangiato.

Il giorno dopo Rango incontra la iguana del deserto Borlotta, che lo conduce fino alla cittadina di Polvere, un desolato avamposto del selvaggio West i cui abitanti, oppressi dalla siccità, conservano solo una parvenza di umanità. Nel saloon della cittadina Rango inventa una storia e si spaccia per un eroe per guadagnarsi il rispetto degli avventori. Con grande fortuna uccide il falco che aveva incontrato nel deserto, che terrorizzava tutti, e viene nominato sceriffo della cittadina, l’ultimo baluardo della legge. La tragedia piomba sulla cittadina quando dei banditi rapinano la banca, rapiscono il proprietario e rubano l’ultimo contenitore di acqua conservata.

Di fronte alla prospettiva di una cruenta anarchia di disperazione per sete, Rango parte per recuperare l’acqua insieme a Borlotta, Cucchiai, Doc e altri abitanti del villaggio. La brigata ritrova il proprietario della banca affogato e, dopo molte peripezie, scopre che è il sindaco stesso, una vecchia tartaruga del deserto, ad aver ordito la rapina della banca e addirittura la terribile siccità nella cittadina di Polvere per poter speculare sui suoi terreni: per difendere il suo piano, il sindaco ingaggia il terribile Jake Sonagli, un serpente a sonagli, per eliminare Rango. Nello scontro Jake umilia Rango, smaschera tutte le sue finte avventure e lo costringe ad abbandonare la città.

Vagando nel Mojave, Rango reincontra l’armadillo Carcassa, con il quale riesce a scoprire le cause della siccità che ha colpito il villaggio. Il mistero è svelato: l’acqua è stata dirottata verso la città in costruzione. Il camaleonte torna a Polvere per regolare i conti, aiutato dalla banda di talpe predone, ma viene imprigionato assieme a Borlotta nel caveau della banca allagato. Dopo essersi liberato grazie all’ultima pallottola, che il sindaco pensava di utilizzare per sbarazzarsi dell’ormai scomodo Jake (che si vendica afferrando il sindaco tra le sue spire e sparendo con lui nel deserto), Rango riporta l’acqua a Polvere e con essa la civiltà.

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]
Rango: è un camaleonte domestico che per un fortuito caso si trova nel deserto del Mojave. Si dà questo nome dopo aver bevuto una bottiglia di succo di cactus (durango in spagnolo).
Borlotta: è un’iguana del deserto con una piccola disfunzione al proprio meccanismo di difesa che la fa bloccare completamente quando si arrabbia. Deve il suo nome a suo padre, che amava i fagioli borlotti.
Priscilla: è un’aye-aye. Ha un difetto di pronuncia molto particolare: quando in una parola è presente il gruppo consonantico “st” lo pronuncia come se fosse “sht”.
Sindaco John: è una tartaruga del deserto e il sindaco di Polvere. È molto anziano e abita a Polvere “da prima che l’autostrada dividesse il deserto”. Spesso gioca a golf con Bandito Bill. Si rivela l’antagonista principale del film.
Carcassa: è un armadillo a nove fasce. È il primo animale che Rango incontra dopo essere finito fuori dalla sua teca. Darà a Rango informazioni utili sottoforma di profezie.
Jake Sonagli: è un serpente a sonagli. Al posto del tradizionale sonaglio, ha un fucile mitragliatore a canne girevoli con cui spara a Rango e a tutti gli altri abitanti di Polvere. Jake Sonagli è un diabolico bandito ma allo stesso tempo una pedina nelle mani del sindaco per avere la sua società senza pistoleri, ma alla fine Jake si vendicherà del corrotto sindaco trascinandolo via nel deserto.
Bandito Bill: è un mostro di Gila. Comanda un gruppo di delinquenti al soldo del sindaco.

fonte:wiky