Mila e Shiro 2 il sogno continua

animecartoon.organimecartoon.org

La serie è approdata sulla TV italiana, sul canale Italia 1, a partire dal 12 settembre 2011[3]. Nell’edizione italiana, Mila e Shiro hanno mantenuto i doppiatori storici della serie, rispettivamente Barbara De Bortoli e Vittorio Guerrieri, oltre ai nomi cambiati usati all’epoca; destino diverso per le co-protagoniste Nami e Kaori che hanno subìto un cambio di voci.

In seguito agli scarsi risultati di audience registrati dalle serie affiancate a questa (Lupin III e Lady Oscar), dal 26 settembre 2011 sono stati trasmessi 2 episodi al giorno, provvedimento che ha portato a far concludere la serie il 24 ottobre 2011
La storia, anziché svolgersi in Giappone, si trasferisce in Cina, qualche anno dopo gli avvenimenti della serie precedente. A Pechino, la squadra delle Dragon Ladies rischia di sciogliersi dopo essere retrocessa. Ad intervenire entrano in scena tre stelle della pallavolo: Ming Yang (ex giocatrice della nazionale cinese) Nami Hayase e Shiro Takiki, quest’ultimo nei panni di allenatore.

Ming, alla ricerca di nuove atlete per vincere la sfida di riuscire a far tornare in serie A1 la società nell’arco di 2 anni, nota Glin Wong, una campionessa di kung fu, per le sue capacità atletiche. Ming si convince che con lei la squadra potrebbe rinascere e, dopo aver superato un provino, Glin entra a farne parte. Per rafforzare ulteriormente la squadra, Nami propone a Shiro di andare in Giappone a prendere Mila, che nel frattempo, grazie a duri e costanti allenamenti, è tornata in forma dopo essersi rotta il tendine d’Achille due anni prima, durante una partita con l’amica Kaori Takigawa, incidente che aveva messo fine alla sua carriera olimpica.

A questo piccolo nucleo si aggiungeranno via via altre ragazze provenienti anche da esperienze sportive differenti e la squadra, con una connotazione spiccatamente multietnica, tra mille difficoltà dovrà affrontare sfide sempre più difficili. Vincere il campionato di A2 sarà solo il primo piccolo passo di una strada che potrebbe portare le giocatrici a partecipare con le rispettive nazionali alle Olimpiadi di Pechino del 2008.