Il viaggio di Arlo (2015)

arlo-poster-cartoni-animati

 

65 milioni di anni fa, nel Cretaceo superiore, il famoso asteroide che avrebbe dovuto causare l’estinzione dei dinosauri, manca la Terra, permettendo ai dinosauri di continuare a popolare il pianeta e di evolversi, diventando più intelligenti e trasformandosi in agricoltori e allevatori.

Milioni di anni dopo, una piccola famiglia di Apatosauri, composta dal padre Henry, la madre Ida e i loro tre figli: Libby la maggiore, Buck quello di mezzo e il piccolo Arlo, vive una tranquilla vita agraria nella loro fattoria, ai piedi del Monte Zanna di Lupo. Tuttavia, nonostante tutti si diano un gran da fare in fattoria, Arlo è molto impacciato e pauroso di qualunque cosa, avendo perfino paura di dare da mangiare agli Ornithomimus della fattoria. Tuttavia, il padre Henry è fiducioso e sa che un giorno Arlo sconfiggerà le sue paure per questo decide di mettere Arlo a guardia del silus del granoturco che la famiglia sta mettendo via per l’inverno, contro un misterioso parassita che ne divora una parte. In seguito il parassita finisce nella trappola di Arlo, ma quest’ultimo non se la sente di ucciderlo e libera il parassita che si rivela essere un giovane cavernicolo. Henry arrabbiato con Arlo per non aver saputo portare a termine il suo lavoro, parte alla ricerca del piccolo uomo con Arlo al seguito, tuttavia un’improvvisa tempesta intrappola Arlo ed Henry in una gola ed Henry viene spazzato via e ucciso da un inondazione improvvisa, riuscendo però a salvare Arlo.

Senza più l’aiuto del padre, Arlo deve aiutare la madre a portare avanti la fattoria, prima dell’inizio dell’inverno. Nonostante tutto ritrova il piccolo cavernicolo nel silo del granoturco, e accusandolo della morte del padre lo insegue per tutta la fattoria, finché entrambi non finiscono in un fiume, dove a causa della forte corrente Arlo batte la testa su una roccia e sviene. Al suo risveglio, Arlo si ritrova ormai lontano da casa ed è costretto a sopravvivere da solo per ritrovare la strada di casa. Dopo svariati tentativi di sopravvivere Arlo viene di nuovo trovato dal piccolo cavernicolo che gli offre delle bacche. Il piccolo cavernicolo porta poi Arlo ad un ad un cespuglio di bacche, dove entrambi vengono attaccati da un Tetrapodophis, che viene in breve cacciato dal giovane cavernicolo. Il tutto viene notato da un eccentrico Styracosaurus, che vorrebbe per se il piccolo cavernicolo in modo che quest’ultimo lo protegga cercando di dargli un nome, ma quando Arlo lo chiama “Spot”, il giovane uomo lo riconosce come il suo vero nome. Dopo aver viaggiato insieme per il resto della giornata ed aver preso confidenza l’uno dell’altro, Arlo confida a Spot la mancanza della sua famiglia e la perdita di suo padre, mentre Spot fa capire ad Arlo che i suoi genitori sono morti. Il giorno dopo, una violenta tempesta devasta la terra e Arlo, non ancora ripresosi dalla traumatica esperienza della morte di suo padre, fugge per la paura.

La mattina dopo, Arlo ritrova Spot ma la tempesta li ha disorientati e Arlo chiede aiuto ad un gruppo di pterosauri capeggiati dal loro leader Tonitrus, un Nyctosaurus, che con il suo gruppo salva “apparentemente” le piccole creature vittime della tempesta. In realtà nonostante all’inizio Tonitrus si dimostri amichevole, in realtà lui e il suo gruppo divorano tutte le creature vittime della tempesta ed essendo interessati a mangiare anche Spot, inseguono i due fino ad una radura dove Arlo e Spot vengono salvati da due fratelli Tyrannosaurus di nome Nash e Ramsey, che fanno fuggire il gruppo di Tonitrus. I due T. rex, insieme a loro padre Butch, si dimostrano amichevoli con Arlo e Spot e promettono di ricondurlo sulla strada di casa se Spot, grazie al suo fiuto, riuscirà a ritrovare la loro mandria di bisonti giganti, che gli è stata rubata. Spot riesce a fiutare la mandria, rubata da alcuni ladri di bestiame, che si rivelano essere un gruppo di Velociraptor, guidati dal loro perfido leader Bubbha. Grazie ai T. rex e al rinomato coraggio di Arlo i ladri di bestiame vengono messi in fuga. La notte seguente Buch incoraggia Arlo, affermando che la sua naturale paura non lo deve fermare. Il giorno seguente i T. rex scortano Arlo fino ad un sentiero per il Monte Zanna di Lupo. Lungo la strada Arlo e Spot incontrano un’altro uomo delle caverne, ma Arlo ormai affezionatosi a Spot prosegue insieme insieme al suo amico.

In seguito mentre una nuova tempesta comincia, i due vengono nuovamente attaccati da Tonitrus e il suo stormo, che stavolta riesce a catturare e portare via Spot, mentre Arlo viene fatto cadere giù da un precipizio. Fortunatamente, Arlo sopravvive ma sviene e gli appare in sogno suo padre Henry a cui Arlo confessa l’affetto che prova per Spot e il desiderio di aiutarlo rendendo lo spirito del padre orgoglioso di lui per aver finalmente superato le sue paure. Pieno di determinazione, Arlo si risveglia e ritrovato Spot attacca gli pterosauri, che hanno intrappolato Spot in un tronco in mezzo ad un fiume e con il suo rinomato coraggio batte gli pterosauri facendoli finire in acqua. Tuttavia una nuova inondazione, travolge sia Arlo sia Spot e li trascina fino ad una cascata, in cui fortunatamente entrambi rimangono illesi.

Ormai vicini a casa, Arlo e Spot vengono raggiunti da una famiglia di uomini primitivi e sebbene con riluttanza Arlo decide che, per il bene del suo amico, Spot deve stare con la sua nuova famiglia, e dopo un commovente addio i due si separano. Il film termina con Arlo, tornato finalmente a casa senza più paure e accolto a braccia aperte da sua madre e i suoi fratelli, e gli è finalmente consentito di lasciare la sua impronta sul silus di famiglia, proprio accanto a quella di suo padre.

Fonte : https://it.wikipedia.org