Addio Giuseppina!

Choppy è un bambino di Madrid estremamente timido, pauroso e insicuro, e ha come amica una piccola balena magica, di nome Giuseppina, che vive nel bicchiere pieno di acqua sul suo comodino. Quest’ultima ha il potere di parlare, volare, ingigantirsi per far viaggiare il bambino sul suo dorso, nonché rimpicciolirsi per entrare nel bicchiere o nella tasca del bambino stesso, tuttavia nessuno sa della sua esistenza perché tra gli esseri umani soltanto Choppy può vederla. Il bambino è molto legato alla balena, che lo coinvolgerà in fantastiche avventure (dalle quali egli imparerà sempre nuovi insegnamenti per superare le sue paure, ma anche correggere i suoi difetti) e lo aiuterà ad affrontare le difficoltà della sua infanzia come i rimproveri dei suoi genitori non troppo teneri con lui e le liti con la sorellina Rosy (molto dispettosa, ma a volte anche Choppy non è da meno nei suoi confronti). Quando poi inizia ad andare a scuola, Choppy si trova a dover affrontare anche i compagni di classe, che lo derideranno per le sue paure.

Tra i personaggi della serie è di rilievo anche la figura della nonna materna di Choppy, persona saggia e pacata, che in qualche modo tiene il bimbo sotto la sua ala protettiva, fino al giorno della propria morte. Choppy chiede allora a Giuseppina di rivedere sua nonna, e grazie ai poteri magici la balena riesce a trasportare vivo il ragazzo nella dimensione ultraterrena, dove egli scopre che la nonna, benché già destinata al Paradiso, di fatto non vi è ancora giunta; i suoi movimenti non sfuggono a Satana, che cercherà di rapire l’anima della nonna di Choppy.

Nel corso della storia Choppy maturerà e farà amicizia con la coetanea Serya, tanto da aver sempre meno bisogno dell’aiuto di Giuseppina.

Alla fine della serie, quando Choppy diventa più grande e capace di affrontare la vita da solo, Giuseppina si congeda da lui, dicendogli “ormai le nostre strade si dividono, nel mondo degli adulti non c’è posto per le balene”.