Toy Story

toy-story-

Il film inizia quando andy gioca con i suoi giocattoli. Dopo aver lasciato inutilizzati tutti gli altri giocattoli, corre in salotto con il suo giocattolo preferito, woondyun pupazzo cowboy vecchio stile. Dopo aver parlato con la mamma, Andy va a rimettere Woody in camera sua, sul letto, e dopo che se ne è andato, lo sceriffo prende vita e convoca tutti gli altri giocattoli per una riunione. È il compleanno di Andy, e tutti i giocattoli, soprattutto il dinosauro Rex, temono di essere rimpiazzati. Woody, per far stare calmi gli amici, manda una pattuglia di soldatini di plastica in salotto, dentro una pianta a spiare la festa comunicando, tramite una rice-trasmittente, il contenuto di ciò che è stato regalato ad Andy. Sembra andare tutto bene, ma a un tratto, la mamma di Andy tira fuori da un mobile un giocattolo a sorpresa. Non si riesce a capire chi è, visto che accidentalmente Rex colpisce la rice-trasmittente, e si capisce solo che Andy sta per rientrare in camera. Tutti i giocattoli ritornano ai loro posti e Andy, butta Woody giù dal letto, mettendo al suo posto il giocattolo misterioso.

Quando Andy esce dalla camera, Woody decide di salire sul letto e vedere chi è il giocattolo misterioso. Un nuovo giocattolo spaziale superaccessoriato che crede di essere un vero Space Ranger la cui astronave (la scatola che lo conteneva) è precipitata per sbaglio sulla terra. Tutti gli altri giocattoli sono colpiti dai suoi accessori (casco, ali a comparsa, laser, voce elettronica e mosse di karate), ma Woody vuole far capire a loro e a Buzz che non è un vero Space Ranger, bensì un giocattolo, e quindi che non può volare. Ma quando si lancia nel vuoto e comincia a rimbalzare di qua e di là sembra davvero volare.

Passano i giorni e Andy comincia a giocare sempre di più con Buzz che con Woody. Una sera il cowboy, per riconquistare il suo posto d’onore, mentre Andy va a cena a un fast food chiamato “Pizza Planet”, sapendo grazie alla “palla magica” che il bambino porterà con sè Buzz, decide di sbarazzarsi del rivale, e accidentalmente lo fa cadere fuori dalla finestra, facendo arrabbiare gli altri giocattoli di Andy che ora rifiutano la sua amicizia. Andy, non trovando Buzz decide di portare Woody al Pizza Planet, e intanto lo Space Ranger, sbuca da dove era precipitato e sale sull’auto.

Mentre la madre di Andy si ferma per fare rifornimento, scoppia una rissa tra Buzz e Woody, col risultato che saltano fuori dall’abitacolo dell’auto, ed Andy parte senza di loro. I due riusciranno ad arrivare al Pizza Planet grazie ad un furgone. Arrivati là, Buzz salta in un distributore di giocattoli a forma di astronave e fa conoscenza con dei piccoli omini verdi. Woody lo segue per evitare che si cacci in altri guai, ma per sfortuna vengono prelevati da Sid, un bambino vicino di casa di Andy che ama distruggere i giocattoli.

Arrivati lì, cercano in ogni modo di tornare a casa. Per sfuggire a Scub, il cane di Sid, si rifugiano entrambi in due stanze diverse. Nella stanza dove si trova Buzz, lo Space Ranger vede in un televisore acceso una pubblicità di Buzz Lightyear, e vedendo che ha le stesse funzioni del giocattolo mostrato nella pubblicità, capisce di essere un giocattolo. Fa un ultimo tentativo di volare, ma cade e si rompe un braccio, e cade in breve tempo in depressione.

La stessa sera, Sid decide di far saltare in aria Buzz, legandolo ad un razzo artificiale. Visto che piove, decide di rimandarlo alla mattina successiva. La stessa mattina, Woody organizza un piano con i giocattoli di Sid per salvare lo Space Ranger. Woody, trovato per terra da Sid, viene messo su un barbecue perché il bambino aveva intenzione di arrostirlo. Mentre Sid sta per accendere il razzo a cui è legato Buzz, Woody inizia a prendere vita, e così tutti gli altri giocattoli di Sid. Il bambino, spaventato, fugge in preda alla paura.

Grazie al razzo che è stato legato alla schiena di Buzz, lui e Woody possono finalmente tornare da Andy, che sta partendo per una nuova casa

This entry was posted in Toy Story 3-La grande fuga and tagged . Bookmark the permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>